Il Maso Pontare a Pressano

Quando uno scherzo diede origine a un nuovo toponimo

Bon dì e bon an a mi la bona man

Quelle indimenticabili notti di capodanno nella Lavis degli anni passati

Una nascita avventurosa e una corsa disperata in bicicletta verso l’ospedalino

Se fede e la tenacia di un genitore sono più forti delle avversità anche i miracoli possono accadere

Il Segreto di Stato, quando in Trentino venne rovesciata la dittatura

Fortunatamente non parliamo di un fatto di sangue realmente accaduto ma di uno dei primi grandi film girati in Trentino

Gli ultimi giorni di Achille Sontacchi, caduto durante la Prima Guerra Mondiale

Un’altra storia dietro a un nome riportato sul monumento di Lavis

L’alluvione del 1966 – il racconto di una nonna al nipote

Quando anche qualche cartoncino bagnato riemerso dal fango poteva rappresentare un tesoro

Quando anche Lavis divenne fascista

Negli anni burrascosi dell’ascesa del regime fascista anche i lavisani furono invitati a seguire la corrente che di li a poco avrebbe travolto l’intera nazione

Italo Varner
“Mi sènto ancòr la voze” – Il ricordo di Italo Varner nel racconto dei lavisani, anche lontani

Ecco una testimonianza che arriva dall’altra parte del mondo, dall’Argentina

Testimonianze della seconda guerra mondiale a Lavis

Le bombe del “Pippo” a piazza Loreto

“Mi sènto ancòr la voze” – Il ricordo di Italo Varner nel racconto dei lavisani

Un ricordo che non nasce da un incontro personale ma dall’ammirazione di un giovane verso un maestro mai incontrato

X