Cos’è questa storia che su ilMulo ora ci sono le pubblicità (e come fare per sostenerci)

Questo articolo è per condividere ogni cosa con i nostri lettori, ma anche per le aziende che vorrebbero spendere pochi euro al mese per un banner (con la spiegazione di perché dovrebbero proprio farlo)

LAVIS. I più attenti di voi se ne saranno già accorti. Da qualche tempo, sul nostro giornale sono comparse alcune pubblicità: sono banner piccoli, poco invadenti e si riferiscono ad aziende locali.

Nell’ottica della trasparenza, abbiamo pensato di scrivere qualche riga per spiegarvi il motivo di questa scelta. Perché in fondo se siete nostri lettori, ogni cosa la facciamo per voi. Se invece rappresentate un’azienda e avete voglia di sostenerci, più sotto proveremo a spiegarvi perché dovreste proprio farlo. Ma se non vi servono tante parole e siete già convinti:

SCRIVETECI ALLA NOSTRA MAIL CLICCANDO QUI

L’autofinanziamento

Sgombriamo ogni equivoco: nessuno di noi si sta arricchendo. Anzi, neppure mezzo euro di quello che guadagneremo con le pubblicità andrà nelle nostre tasche (e lo scriviamo subito, prima di pentirci).

La gestione del sito ha comunque delle spese. C’è da pagare il dominio una volta all’anno (semplificando: è lo spazio web). Ci sono plugin che utilizzeremo per inserire nuove funzioni (avete visto i quiz?). Una parte la vorremmo spendere per fare a nostra volta della pubblicità, per promuovere i nostri articoli e raggiungere altri lettori. Anche se il passaparola resta la nostra arma migliore.

L’Associazione

E il resto? Il resto finirà nel conto dell’Associazione culturale lavisana (che qui è l’editore-padrone di tutta la baracca).

Sarà investito in attività culturali a Lavis. Per la promozione di mostre e ricerche, per la pubblicazione di libri e per il recupero dei beni artistici e architettonici in paese. Organizzeremo laboratori per bambini e spettacoli teatrali, fra le altre cose.

Come sostenerci

Se quindi sei il responsabile di un’azienda, sei una piccola realtà locale, un imprenditore, un libero professionista, un artigiano, un ristoratore o un produttore… se insomma in qualche modo vuoi pubblicizzarti su ilMulo.it, arriviamo subito al dunque:

SCRIVICI ALLA NOSTRA MAIL CLICCANDO QUI

Ti spiegheremo cosa ci serve (essenzialmente il tuo logo e i tuoi contatti) e ti scriveremo i costi annuali (è una cifra praticamente simbolica, al momento, e potrebbe crescere in futuro, come dicono i venditori di materassi in tv. Equivale a pochi euro al mese. E non è un modo di dire).

Ma perché farlo?

Ci sono alcuni motivi principali per decidere di fare pubblicità su ilMulo.it.

Innanzitutto perché siamo una testata con un focus ultra-locale. La maggior parte del nostro pubblico proviene da Lavis, Rotaliana e Val di Cembra: sono quindi un target ben riconoscibile e che potrebbe essere vicino alla tua potenziale clientela. Secondo le prime analisi, circa il 15% dei nostri visitatori clicca su un banner quando lo vede e viene indirizzato al sito linkato. Gli altri comunque visualizzano la pubblicità.

Per i più nerd: il nostro sito ha una particolare cura per la Seo. Significa, semplificando molto, che facciamo di tutto per essere trovati su Google. Ha una sitemap curata per Google News ed è riconosciuto come testata giornalistica (regolarmente iscritta al Tribunale di Trento).

«Investire su questo sito significa credere in quello che facciamo»
Ma c’è un aspetto che riteniamo ancora più importante. Investire su questo sito con una sponsorizzazione significa credere in quello che facciamo. Diventare i mecenati del primo giornale di comunità, nato e cresciuto per raccontare un territorio e la sua storia. Con l’ambizione di sperimentare nuovi modi di fare giornalismo.

Chi siamo

La redazione è composta in parte da comuni cittadini e in parte da giornalisti (pubblicisti e professionisti). C’è un direttore responsabile che garantisce la generale qualità dei contenuti e il rispetto della deontologia. Tutti i testi, prima di essere pubblicati, vengono valutati, corretti e controllati. Ma i contenuti possono essere proposti e scritti da chiunque abbia qualcosa da raccontare, in una vera ottica di “giornale di comunità”.

Da quel che sappiamo, non esiste un progetto come il nostro non solo in Trentino ma anche in Italia. Le pubblicità ci permetteranno di farlo crescere. Anche perché in futuro saranno organizzati eventi sul territorio per far uscire ilMulo.it dalla sua dimensione unicamente virtuale.

Il passaparola

Scritto tutto questo, abbiamo un’ultima richiesta. Ecco una cosa che potrebbe fare qualsiasi nostro lettore. Potrebbe far girare la voce: condividere questo articolo, parlarne con chi potrebbe esserne interessato.

Perché ilMulo.it è un’impresa collettiva e tutti voi potete farne parte!

Giornalista, laureato in storia, direttore responsabile del Mulo. Scrive per Il Fatto Quotidiano e per il Trentino, talvolta per laStampa.it. È direttore dell'Associazione Culturale Lavisana. (Scrivi una mail)

X