A Trento “il fiume che non c’è” ricompare sul muro di un supermercato

Così i ragazzi del liceo artistico vogliono ostacolare il degrado urbano

L’altro “esercito italiano”: in un video di 100 anni fa le donne e i migranti al lavoro per la vittoria

In uno straordinario filmato conservato all’Imperial war museum la testimonianza della manodopera femminile e degli uomini provenienti dalle colonie, durante la Prima guerra mondiale

La “memoria costruita” a Lavis dopo la Grande guerra

Mentre venivano dedicate targhe a Carlo Clementi e Carlo Sette, il proprietario dell’albergo alla Tramvia fu accusato di essere “austriacante” e deportato in Calabria

Lavis, “il giubilo per la redenzione della borgata” in quella lapide di 100 anni fa

Si trova sul municipio e celebra, con i toni tipici del tempo, l’annessione all’Italia

Storia di Giovanni Battista Tonini, il “martire ignoto” fucilato a Cembra

Brindò in onore dell’Italia e per questo fu accusato di irredentismo dagli austriaci e condannato a morte. Il suo ricordo in una targa sul municipio

Morti sul campo, morti in paese: quei lutti della Grande guerra a Lavis

Quasi un centinaio di persone morirono in guerra, ma a falcidiare i lavisani contribuì anche l’influenza spagnola

Il rifugio antiaereo di Lavis e la guerra che quando inizia non finisce mai

LAVIS. All’inizio era solo un rumore sordo in lontananza, quasi impercettibile, poi diventava un rombo sempre.

Vivere nelle retrovie: la Grande guerra a Lavis

Fra stenti, malattie e la convivenza forzata con i reggimenti imperiali di stanza in paese

X