A Lavis debutta il cinema archeologico: tre documentari nei martedì di marzo

Il mistero di una tomba celtica e dell’isola di Pasqua. Poi l’invenzione della stampa. Prima edizione di una rassegna di film resa possibile dall’accordo fra l’Associazione culturale lavisana e il Museo civico di Rovereto

Fouille Inrap de Lavau 2015

LAVIS. Nel mese di marzo a Lavis partirà un’importante iniziativa denominata “I martedì del Cinema Archeologico” all’Auditorium. Grazie ad un accordo di collaborazione fra l’Associazione Culturale Lavisana e la Fondazione Museo Civico di Rovereto verrà presentata una selezione dei migliori film che hanno partecipato alla 29ª Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico.

La prima proiezione è martedì 12 marzo alle 20.30 e sarà introdotta da un archeologo. L’intenzione dell’Associazione Culturale Lavisana è quella di avviare un festival dell’archeologia che possa portare a Lavis ogni anno i film più interessanti della rassegna internazionale.

Un patrimonio di documentari

La Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico, che si svolge in autunno a Rovereto, è giunta appunto alla 29ª edizione e rappresenta uno dei maggiori eventi internazionali nel campo dei festival documentaristici.

Nata in memoria dell’archeologo roveretano Paolo Orsi, la rassegna ha permesso di raccogliere, nel corso degli anni, un ricco patrimonio di documentari storici che la Fondazione Museo Civico di Rovereto ha deciso di mettere a disposizione di enti, associazioni, musei o altre istituzioni interessate a realizzare manifestazioni o piccoli festival. Tutti i film sono disponibili in lingua originale o nella versione italiana curata dalla Rassegna stessa.

Il circuito Rica

Grazie a questa disponibilità, accanto alla rassegna di Rovereto è nato il circuito RICA (Rassegna Internazionale Cinema Archeologico) che ha portato i film selezionati ad essere proiettati anche in numerosi festival in Italia e all’estero.

L’iniziativa dell’Associazione Culturale rappresenta quindi un’occasione importante per avvicinare ed approfondire tematiche storiche in modo piacevole e attraverso alcune fra le migliori produzioni documentaristiche nazionali ed internazionali..


I tre film a Lavis

I film selezionati per questa prima edizione sono i seguenti:

L’ENIGMA DELLA TOMBA CELTICA

Un film francese del regista Edmee Millot prodotto nel 2017.
“La scoperta, nel 2014, di una tomba celtica del V secolo in Francia, rivela un periodo poco documentato della storia dei Celti europei, il periodo di Hallstadtt, che durò circa un secolo e scomparve lasciando poche tracce. In quel tempo i Celti commerciavano con il resto d’Europa, costruendo città e porti, senza scrittura e senza l’uso della moneta”.

L’ISOLA DI PASQUA, L’ORA DELLA VERITÀ

Un film francese del regista Thibaud Marchand prodotto nel 2017.
“I Rapa Nui hanno veramente devastato la loro isola? Si sono veramente uccisi l’un l’altro? Per oltre vent’anni i più eminenti specialisti del mondo hanno lavorato per ristabilire finalmente la verità sulla storia dell’Isola di Pasqua”.

GUTENBERG, L’AVVENTURA DELLA STAMPA

Un film franco/austriaco del regista Marc Jampolsky prodotto nel 2016.
“L’invenzione della stampa a caratteri mobili fu, a metà del ‘400, una vera e propria rivoluzione nella comunicazione umana. Il film mostra la nascita e lo sviluppo di questa avventura seguendo la vita e l’opera di Gutenberg e getta una nuova luce anche sulla odierna rivoluzione rappresentata da internet”.


La rassegna lavisana partirà il giorno martedì 12 marzo con la proiezione del film “L’enigma della tomba celtica”, votato dagli spettatori come il miglior film della 29ª Rassegna, e sarà presentata da un archeologo della Fondazione Museo Civico di Rovereto.

I film saranno proiettati all’Auditorium comunale di Lavis alle ore 20.30 secondo il seguente calendario:

    • L’ENIGMA DELLA TOMBA CELTICA martedì 12 marzo
    • L’ISOLA DI PASQUA, L’ORA DELLA VERITA’ martedì 19 marzo
    • GUTENBERG, L’AVVENTURA DELLA STAMPA martedì 26 marzo

La partecipazione è aperta a tutti e l’ingresso è gratuito.

Nato a Trento nel 1972, laureato in Economia Politica all'Università degli studi di Trento. Impiegato commerciale è appassionato di economia e di storia. Attualmente è presidente dell'Associazione Culturale Lavisana.

X