La storia della famiglia Kaisermann a Mezzolombardo, distrutta da una bomba l’8 aprile del 1945

Morirono in sei, uccisi da un bombardamento alleato 76 anni fa. Pochi giorni dopo l’Italia sarebbe stata liberata

Il rifugio antiaereo in località Bersaglio/Calcara a Mezzolombardo, in occasione della commemorazione nel 2007

ALL’ALBA DELLA LIBERAZIONE… …Inizia così la scritta della lapide posta nel 1946 sulla facciata della casa a Mezzolombardo, dai familiari superstiti della luttuosa giornata dell’8 aprile 1945. Per liberazione si intende quella dall’occupazione nazista che si concretizzò nei primi giorni di maggio di settantasei anni fa. Ma il prezzo pagato dalla famiglia Kaisermann e da altri tre civili la domenica in Albis del ’45 fu elevato. E una serie incredibile di beffarde coincidenze, viste a posteriori, aggiungono amarezza e rimpianto alla già grande sofferenza sopportata in quel giorno.

La famiglia Kaisermann conduceva a mezzadria (masadori) il maso Cavazzani a Nave San Rocco e a Mezzolombardo in via Trento, in località Bersaglio aveva una piccola casa dove si lavoravano i portainnesti (resi) per le viti, attività che occupava i familiari e alcuni contadini del paese: Quella domenica piena di sole erano tutti fuori casa a chiacchierare, seduti su balle di paglia appoggiate al muro a secco che delimita la stradina laterale che sale al Bandieron.

Bombardamento sul Ponte dei Vodi (fonte: Laboratorio Storia Rovereto)

Le bombe degli alleati


Si viveva dentro un periodo di vita che faceva i conti con le continue incursioni aeree alleate che miravano a bombardare la ferrovia del Brennero, e in particolare il Ponte dei Vodi a Lavis. L’offensiva anglo-americana contro la Germania si concentrava oramai nell’Italia settentrionale con il determinante sostegno dell’aviazione, che muovendo dalle basi situate nel sud d’Italia e in Corsica, svolgeva missioni di bombardamento su obiettivi militari ma anche verso infrastrutture viarie e ferroviarie. La ferrovia del Brennero era uno di questi obiettivi; si puntava a ostacolare il rifornimento tedesco da nord verso il fronte di combattimento.

A partire dai primi di settembre del 1943 tonnellate di bombe degli “alleati” si riversano al suolo facendo danni a cose ma anche a persone, civili inermi e indifesi. Le sirene laceravano l’aria a tutte le ore del giorno e della notte per lanciare l’allarme e la gente correva disperata verso i rifugi antiaerei, dove passava ore, giornate, una parte di vita. Alla ferocia militare tedesca si oppone la violenta prepotenza aerea anglo-americana, e, in mezzo, a farne le spese, le famiglie di contadini, operai, impiegati, di gente comune, bambini la cui infanzia o adolescenza verrà per sempre segnata da ricordi di dolore e sofferenza.

Bombardieri in formazione (fonte: US Air Force)

Un giorno che ricordo molto bene


Riportiamo brevemente la testimonianza di Guido Dalrì, un sopravvissuto di quella terribile giornata:

…quel giorno c’era il sole, una bella giornata, interrotta dalla sirena, segnale di pericolo che obbligava a recarsi nel rifugio…dalla val di Non era in arrivo una formazione di fortezze volanti, un gruppo di cinque bombardieri messi a spina di pesce…anche se avevo solo dieci anni, è un giorno che ricordo molto bene.

La voce di alcuni adulti ci invitava a venir via dalla campagna e correre nel rifugio…io con Maria Luisa Zenari, di dodici anni, andai verso il rifugio fermandomi però all’esterno e all’improvviso un rumore forte e Midi, così la chiamavo per gioco, era a terra, morta, decapitata da una scheggia di bomba scoppiata lì vicino…pezzi di lei erano sui miei vestiti, sulle mani…mio padre mi tirò via di lì…

Altri corpi però giacevano a terra: fra questi Dario di nove anni, suo nonno Paolo di 84, Arrigo di 16, Guglielmo 33 anni compiuti proprio quel giorno! Pareva invece solo ferito gravemente alla testa Camillo, padre di Dario e figlio di Paolo, tanto che andò a bagnarsi la fronte alla fontana, gridando di aiutarlo a soccorrere figlio e padre, ma inutilmente… anche lui morirà alle 16 di quel pomeriggio, all’ospedale, per la terribile ferita.

Macerie della casa Kaisermann dopo il bombardamento

Le 13 e 17 dell’8 aprile


Ecco la testimonianza anche di Anna Maria figlia di Camillo:

…Elvira mia madre, aveva visto il ricognitore in cielo e avvisato mio padre che sarebbe stato meglio correre al rifugio, ma lui però le disse che se era un ricognitore non ci sarebbero stati problemi; invece di lì a pochi minuti si sentì un boato e ci fu un grande polverone, proprio quando stavano per arrivare al rifugio furono colpiti dalle schegge della bomba scoppiata vicino alla casa…

i miei fratelli Marcello e Renzo erano feriti come me ma non in modo grave e fummo portati all’ospedale… invece mio fratello Dario stava morendo per le gravi ferite alla testa e mia madre disperata cercava inutilmente di rianimarlo con un po’ d’acqua, mio nonno era morto, mio padre morì nel pomeriggio… in un minuto avevo perso nonno, padre e fratello!

Lo scoppio con lo spostamento d’aria che ne segue danneggia gravemente la casa lasciando macerie e vetri rotti dappertutto. Altre persone che si erano riparate alla bell’e meglio sfuggirono miracolosamente alla morte: erano le 13 e 17 di domenica 8 aprile 1945, ora e data che rimarrà un indelebile segno nella vita dei superstiti.

Da alcuni anni Guido Dalrì in collaborazione con il Comune di Mezzolombardo e i Vigili del Fuoco, dei quali è componente onorario, organizza un momento commemorativo di questa ricorrenza, con una messa in suffragio dei concittadini morti, paradossalmente a pochi giorni dalla fine delle ostilità.

Bombardamento in piana Rotaliana coperta dai fumi della contraerea, a dx Mezzolombardo sullo sfondo San Michele (fonte US Air Force)

Una bomba, sei morti


Ritorniamo a quel giorno: i bombardieri avevano sganciato bombe anche sulla città di Trento, avendo come bersaglio la ferrovia in città. Ma è il ponte dei Vodi l’obiettivo principale delle incursioni sulla valle dell’Adige: alla fine della guerra si conteranno ben 240 bombardamenti con circa 10.000 tonnellate di bombe cadute al suolo, ma è nei primi mesi del 1945 che gli attacchi aerei si intensificano. Per questo motivo la famiglia Kaisermann appena può scappa dal Maso alla Nave, troppo vicino a Lavis e ai Vodi, e si rifugia a Mezzolombardo nella sua casa in località Calcara (detta anche al Bersaglio, poiché lì nel periodo austro-ungarico vi era il casino di tiro degli Schützen).

In quel maso, il 30 aprile dell’anno precedente, la famiglia aveva festeggiato le nozze d’argento di Camillo e Elvira Martinazzi, originaria di Taio, assieme ai loro cinque figli Paola, Livio, Renzo, Annamaria, Dario. Quel giorno, ma loro senz’altro non lo avranno saputo poiché le notizie non circolavano velocemente come oggi, a Padova nel rione Terranegra gli aerei alleati fecero 180 morti fra i civili, bombardando le loro case. La squadriglia americana arrivata in cielo dalla Rocchetta, era ad un’altezza di 28.500 piedi, circa 8,6 km, e aveva come possibile “alternative target” il ponte della ferrovia a San Michele; passando sopra Vigo di Ton, lanciò il suo carico di 24 bombe del peso di 1.000 libbre ciascuna, circa cinque quintali, in direzione del ponte mancando però l’ obiettivo!

Non tutte scoppiano e solo 22 vengono rilevate dai ricognitori nel rapporto della missione aerea numero 453; cadono nel bosco, nelle campagne, nei prati attorno al colle di San Pietro: c’è chi sostiene che qualcuna di queste sia ancora in qualche valletta boscosa attorno al colle. Infatti cinque inesplose restarono sul posto per molto tempo, tant’è che i bambini ci giocarono pericolosamente prima che fossero disinnescate e portate via. Una di queste, caduta nel bosco vicino alla casa del macellaio Pietro Tait (el Pero trana), sotto al colle del Bandieron, mesi dopo verrà fatta scivolare giù verso la stalla per gioco, rischiando di fare altre vittime.

Le schegge delle bombe uccidono in pochi momenti tre generazioni di Kaisermann, due bambini e un uomo di Mezzocorona, proprio nel giorno del suo compleanno, e che forse era lì per acquistare i portainnesti: sei vittime in pochi minuti.

Sopravvissuto


Una delle schegge viene recuperata e gelosamente conservata da Guido Bert, altro testimone oculare, all’epoca dodicenne, sopravvissuto alle bombe e spentosi nei giorni scorsi a causa del Covid; l’aveva incorniciata con la narrazione di quanto successo quel giorno, frutto dei suoi ricordi sull’accaduto. Leggiamo anche la sua testimonianza:

…all’una quel cielo terso e troppo silenzioso improvvisamene e senza preavviso lanciò a terra sei bombe trasformando tutto e in un attimo in un bagliore fragoroso di terrore e sbigottimento: una si aprì squarciando in parte il bagno esterno della casa dei Kaisermann, fortunatamente senza esplodere…

solo dopo tanti anni ho avuto la piena consapevolezza di come ero stato fortunato quel giorno…

La scheggia della bomba caduta vicino alla casa Kaisermann, raccolta e conservata da Guido Bert

I famigliari ricordano


I bombardieri americani, in sigla B-17, le cosiddette Flying Fortress (pare che il nome di Fortezza Volante sia stato dato da un giornalista che vide volare i primi prototipi), erano di stanza all’Airfield di Lucera-Cerignola nelle Puglie, un aeroporto militare temporaneo costruito dagli ingegneri dell’esercito americano non appena le truppe presero possesso della pianura pugliese. Il gruppo che seminò morte e distruzione a Mezzolombardo, era denominato Y 301ST BG (H) dove BG sta per Bombardment Group (gruppo bombardieri) e H per Heavy (pesante); era composto da 4 squadriglie: la 32nd, 352nd,353rd e 419th; assieme ai gruppi 2, 97, 98, 99 costituiva la 5a divisione aerea – 5th Air Division – in forza alla Quindicesima Air Force creata il 1 novembre 1943, come seconda forza aerea strategica americana per il teatro di guerra europea.

Il B-17 era stato progettato in Usa nel 1938, montava quattro motori Wright Cyclone, aveva un’apertura alare di circa 32 metri, lunghezza di 22, un peso a vuoto di oltre 16 tonnellate, una velocità massima di circa 460 km/orari; questo modello di bombardiere, del quale vennero costruiti oltre 12.700 esemplari, nel secondo conflitto mondiale scaricò quasi la metà di tutte le bombe rovesciate sui teatri di guerra europei. I bombardieri erano affiancati da aerei caccia di scorta, di solito P-51 Mustang e P-47 Thunderbolt, come difesa dagli attacchi dei caccia della Luftwaffe.

Ma i dati tecnici purtroppo, non spiegano molto di quanto successo quel giorno: si trattò di errore umano o deliberata, scellerata scelta, che anziché andare a colpire un obiettivo bellico andò a sconvolgere lo scorrere della già difficile vita degli abitanti della “Calcara”? Probabilmente non lo sapremo mai. L’anno successivo alla tragedia, i famigliari trovarono la forza d’animo per apporre una lapide commemorativa sulla facciata della casa di via Trento, dove tuttora si trova, chiosando nell’esergo “nel I anniversario i famigliari ricordano/ unendo il loro dolore al dolore dell’umanità/ perché sia dato al mondo giustizia e amore”, ammirevole segno di condivisione del loro dolore, ancora oggi presente e forse proprio per questo ancora più significativo. (b.k.)

La lapide sulla casa Kaisermann in via Trento a Mezzolombardo

Da oltre trent'anni l'Associazione Castelli del Trentino è attiva nell'ambito culturale provinciale soprattutto attraverso pubblicazioni, convegni e cicli di conferenze sotto il titolo di "Gli Incontri del Giovedì". Tutte le sue attività sono libere e gratuite.

Forse ti può interessare anche:

X