L’oratorio vince la sfida dei gruppi mascherati del giovedì grasso di Lavis. Brianna è la prima regina del carnevale

LAVIS. Per il giovedì grasso è tornato il carnevale a Lavis. Nonostante la giornata un po’ fredda, il sole ha spinto le persone a vivere a pieno la festa.

Il cuore dell’evento è stato nel piazzale delle suore canossiane, dove dal mattino gli alpini di Lavis e Sorni hanno lavorato – insieme alla pro loco – per la distribuzione della pasta (quasi 200 chili di maccheroni). La coda durante il pranzo partiva già dal giardino della scuola materna, nel prato dove sono stati posizionati i tavoli.

Il gruppo mascherato dell’oratorio di Lavis

Nel pomeriggio, dalle 14.30, c’è stata la sfilata dei gruppi mascherati, quest’anno senza carri. Ma almeno si è tornati a vivere il centro storico, lungo piazza Grazioli e via Matteotti. Ha vinto la creatività del gruppo dell’oratorio di Lavis, con un dragone ispirato all’oriente e tutti i ragazzi vestiti come i cinesi. Secondo il gruppo dell’Appm, terzo quello dell’asilo nido.

La vera novità quest’anno è stata però l’elezione del re del carnevale. In realtà è una regina: si chiama Brianna, ha un anno ed era vestita da ape. È stata premiata con il papà apicoltore e la mamma.. madre natura.

La prima regina del carnevale, con mamma e papà

LEGGI ANCHE – Il Carnevale 2020 a Lavis: dal re eletto il giovedì al musical della Sirenetta il sabato sera. Tutte le novità di quest’anno



LEGGI ANCHE – Carnevali “a rischio” e burocrazia. La Federazione delle Pro loco: «Bisogna lavorare sull’organizzazione»


 

Giornalista professionista, laureato in storia, direttore responsabile del Mulo. Scrive per Il Fatto Quotidiano e per il Trentino, talvolta per laStampa.it. È direttore dell'Associazione Culturale Lavisana. (Scrivi una mail)

X