“Sicuri con la neve”: in Paganella la giornata per capire come comportarsi dopo una valanga

L’evento, organizzato dal Soccorso alpino, punta a ridurre al massimo gli incidenti umanamente evitabili

FAI DELLA PAGANELLA. Oggi, 19 gennaio 2020, è la giornata dedicata alla prevenzione degli incidenti in montagna, tipici della stagione invernale. Ci sono iniziative in tutta Italia e così anche in Trentino, dove il Soccorso alpino e spleologico ha organizzato l’iniziativa “Sicuri con la neve”. Fino alle 14 a Malga Fai ci si concentrerà proprio sull’autosoccorso dopo una valanga.

Sicuri in montagna

Alle spalle c’è un progetto che si chiama “Sicuri in montagna”. È stato avviato vent’anni fa in Lombardia, con l’obiettivo appunto di condividere le buone pratiche, per evitare ogni possibile rischio e imprudenza. Da allora, anche in Trentino si sono fatti grossi passi in avanti per la prevenzione. Non c’è un vero e proprio allarme: solo la consapevolezza che è solo con la cultura che si evitano i rischi peggiori. Ogni stagione, gli infortuni in provincia sono circa 1.500, secondo i dati che aveva condiviso, qualche tempo fa, Mario Panizza, presidente del collegio maestri di sci. La colpa molte volte è della velocità.

Oggi ci sono dunque eventi in tutta Italia, per parlare dei rischi e dei pericoli legati a valanghe, scivolate su ghiaccio, ipotermia e altro ancora. «La manifestazione è rivolta ad appassionati, sciatori ed escursionisti che desiderano ricevere informazioni o approfondire le proprie conoscenze sulla frequentazione della montagna innevata», spiegano dal soccorso alpino. Anche con prove pratiche e dimostrative.

Sotto una valanga

L’appuntamento trentino si tiene dunque all’interno del Comprensorio sciistico Paganella, a Malga Fai. Sono presenti le unità cinofile del Soccorso alpino. Ci sono prove pratiche per imparare ad utilizzare al meglio l’Artva (l’apparecchio di ricerca in valanga), la sonda e la pala. Con la collaborazione delle guide alpine si sta parlando di quali elementi è importante prendere in considerazione per fare una corretta valutazione del manto nevoso e, in generale, per programmare in sicurezza una gita in montagna. L’obiettivo generale è di rendere la montagna un posto più sicuro attraverso l’informazione, la prevenzione e la comunicazione. Per ridurre al minimo gli incidenti umanamente evitabili.

Forse ti può interessare anche:

X