Terre d’Adige, il commissario incontra le forze dell’ordine: “Ma qui non ci sono particolari problemi”

Presenti carabinieri, polizia locale e vigili del fuoco per fare il punto sulla questione sicurezza

Una foto dell’incontro

TERRE D’ADIGE. Dopo la fusione fra Zambana e Nave San Rocco e la nascita del nuovo Comune di Terre d’Adige, il commissario straordinario Rolando Fontan – che reggerà il paese fino alle elezioni di maggio – ha incontrato in municipio le forze dell’ordine per fare il punto sul tema della sicurezza.

All’incontro erano presenti il maresciallo maggiore Roberto Colagiacomo, comandante della stazione dei Carabinieri di Lavis, l’ispettore della polizia locale Nicola Nardin, il vigile di quartiere Guglielmo Eccher e i due comandanti dei vigili del fuoco volontari di Zambana e Nave San Rocco: Stefano Ioris e Fabrizio Marcolla.

Una situazione tranquilla

Nel territorio di Terre d’Adige – hanno detto – non ci sono «particolari situazioni di emergenza». La sensazione è di una sostanziale tranquillità, anche se ovviamente le forze dell’ordine hanno confermato l’impegno nel tenere alta e costante la soglia dell’attenzione.

Il commissario Fontan, nel ringraziare i presenti per il loro impegno, ha assicurato tutto l’appoggio dell’amministrazione comunale. Chiedendo allo stesso tempo di proseguire «lo stretto rapporto di collaborazione e il prezioso impegno fino ad oggi dimostrato, a servizio della popolazione di Terre d’Adige».

X