Basket. La fatica dell’esordio: il Paganella combatte, ma esce sconfitto dalla prima in serie D

Alessandro Bianchi, autore dei primi storici punti (foto: Mattia Nardon)

LAVIS. Il PagaBasket paga lo scotto dell’esordio alla prima assoluta in serie D, sul campo della PSG Villafranca, formazione giovane ma che si può considerare assolutamente come possibile outsider per le primissime posizioni.

La partenza dei ragazzi di coach Perissinotto è quantomai contratta, con i primi storici punti segnati da Bianchi, mentre i padroni di casa bersagliano dalla grande distanza, con ben quattro triple segnate nel solo primo quarto, che si chiude con un -11 da recuperare.

Tentativi di recupero

Il secondo però è tutt’altra storia con i lavisani che iniziano ad aggiustare la mira da oltre l’arco prima con Moretti, poi con Muhlbach e infine con Baldo, andando alla pausa lunga sotto di 5 lunghezze, assolutamente recuperabili.

Al ritorno dagli spogliatoi regnano gli attacchi e l’equilibrio, con un terzo parziale ad alta intensità e fisicità, che vede sbloccarsi capitan Ravelli e al cui termine vede ancora il Paga inseguire di 5 lunghezze, che lasciano ancora la possibilità di una rimonta nell’ultimo quarto. I lavisani pagano però  l’inesperienza, con i padroni di casa che prendono il largo con le bombe di Barba.

In attesa della corazzata

Chiudono così la partita con qualche minuto di anticipo, in cui c’è occasione per l’esordio del prodotto delle giovanili lavisane Cammelli.

Sensazioni comunque positive per un Paga ancora orfano del top scorer della passata stagione, Della Pietra, ma che sarà atteso nella prossima giornata da un durissimo banco di prova, ovvero il Cus Trento, che è sicuramente una delle corazzate del girone.


SG Villafranca 77-59 CRCSD Paganella

PSG Vìllafranca: Baciga, Rosa 4, Cossu 11, Gasparini, Masenelli 8, Ruffo, Zandonà 8,
Sandrini 2, Tagliani 19, Schintu 4, Maniscalco 8, Barba 13. Coach: Beghini.

CRCSD Paganella: Ravelli 10, Cammelli, Maino 6, Moretti 10, Bianchi 13, Muhlbach 5,
Baldo 7, Bazzan L, Tonina 4, Zanotti 2, Bazzan C 2. Coach: Perissinotto.

Nato 30 anni fa vicino a Ferrara, ma ormai trentino d'adozione. Giocatore ed allenatore del PagaBasket, nonché farmacista con la passione della scrittura creativa.

X