Lavis, parte il Maggio dei libri

Un mese e oltre ricco di appuntamenti con autori e libri che abbracciano più generi e più tematiche

Lavis. Inizia il Maggio dei libri, rassegna dedicata alla presentazione di libri e di autori a cura della Biblioteca intercomunale di Lavis e Terre d’Adige, in collaborazione con le associazioni del territorio.
Il programma è ricco di incontri, ci saranno autori locali come Michele Nardelli e Diego Cason, Antonella Giannini e Aurora Mazzoldi, Alessandra Sebastiani, Giulia de Martin, Mauro Giongo, Filippo Prosser, Alessio Bertolli, Fulvia Albertini ed Eleonora Urso, ma anche di autori di richiamo nazionale, come Davide Calì e Marco Balzano.

Gli appuntamenti si dispiegano su tutto il mese di maggio, continuano in giugno e si concludono con una data a luglio. Quello del 9 luglio sarà un evento speciale, visto che l’incontro con l’autore – Marco Balzano, autore dei romanzi Resto qui e Quando tornerò – si svolgerà ai Ciucioi e i partecipanti saranno invitati ad una visita guidata del Giardino Bortolotti.

Per la prima volta ci sarà anche la collaborazione con la Biblioteca comunale di Mori, che ha ideato l’evento Dialoghi di maggio: comunicazione incontri trasformazione; ascolteremo online autori come Pietro del Soldà, Federico Faloppa, Chiara Sfregola, Silvia Bencivelli e Roberto Mercadini.

Il Maggio dei libri rappresenta il momento di riaprire le attività e di incontrare il nostro pubblico, dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia, che non essendo ancora superata ci impone prudenza e qualche restrizione. Alcuni incontri saranno in presenza, mentre altri saranno diffusi online attraverso i canali social, come facebook e youtube.

 

Il primo appuntamento: sulle ali degli amici – di Pietro del Soldà


Si parte giovedì 6 maggio alle ore 20.00 con Pietro del Soldà, autore e conduttore radiofonico del programma “tutta la città ne parla” su RaiRadio3 che presenterà il libro “Sulle ali degli amici. Una filosofia dell’incontro” Marsilio, 2020.

L’evento verrà trasmesso online sui canali facebook e youtube della Biblioteca di Mori e sarà presentato dal bibliotecario Graziano Cosner.

Il libro


Siamo sempre più soli e chiusi in noi stessi, i contatti con gli altri sono frammentari e raramente esprimono quel che siamo davvero. La società alimenta ogni giorno l’ossessione per un Io ipertrofico e narcisista e per un Noi escludente e aggressivo. In questo scenario l’amicizia può agire come un’apertura, un dispiegamento d’ali in grado di elevarci al di sopra delle piccole esigenze quotidiane, delle paure che paralizzano, della pigrizia che ci toglie slancio, delle false identità che nascondono il nostro volto e le passioni profonde.

Perché ciò avvenga, però, bisogna coglierne l’essenza. L’amicizia non è solo un volersi bene, non si esaurisce in quel legame semplice fatto di calore, affetto, vicinanza, aiuto reciproco e voglia di divertirsi insieme. È molto di più: è il gioco più serio, quello che finalmente, come dice Aristotele, «ci fa sentire che esistiamo».

Per capire la natura complessa dell’amicizia dobbiamo confrontarci con alcune voci della filosofia, a partire da Socrate e dal suo incessante tuffarsi nella relazione che ci pone le domande decisive: il legame tra amici nasce dalla somiglianza, dall’avere abitudini e radici in comune o è la diversità ad attrarci? Perché Socrate dice che «amico è il bello»? In che senso l’amicizia può sconfiggere la morte e farci amare la natura? Perché per Aristotele è «il cemento della polis» e per Montaigne è un mélange senza regole né obblighi? La sua vera dimensione, oggi, è l’infinito viaggiare di Álvaro Mutis?

Pietro Del Soldà ci accompagna nell’incontro con filosofi e poeti, visioni e voci che ci fanno ripensare il mondo come un campo di gioco, in cui rispondere al nostro bisogno di senso e diventare migliori insieme agli amici.

 

Forse ti può interessare anche:

X