Lavis, il Maggio dei libri – Come la Pioggia e la Scozia e Le Api di Waterloo

Doppia presentazione sabato 15 maggio. Oltre al romanzo d’esordio la giovane scrittrice lavisana presenterà anche il suo ultimo lavoro

Lavis. Nuovo appuntamento in presenza per il Maggio dei libri. Sabato 15 alle ore 15.00 in Piazzetta degli Alpini a Lavis (in caso di pioggia ci si sposterà nel vicino auditorium) la giovane autrice lavisana ci accompagnerà nelle atmosfere inglesi dei suoi due romanzi.

Scegliere di presentare un libro per un’associazione sportiva potrebbe sembrare una cosa inusuale, in genere riservata ad associazioni culturali, circoli o realtà che di cultura letteraria alimentano le loro attività istituzionali. Ci sono tanti motivi però che hanno portato Ritmomisto alla scelta di partecipare a “Il Maggio dei libri 2021”, tra cui il piacere di aver letto “Come la pioggia e la Scozia”: una storia tanto romantica quanto forte e attuale. Ma il primo e il più forte sicuramente, è il legame con l’autrice Giulia De Martin: ex allieva dell’associazione, classe 1991 e lavisana di origine, con la quale è sempre rimasto un legame fatto di incontri a teatro, ammirazione reciproca e grande stima.

É un dato di fatto che la danza e la letteratura da sempre condividano nel mondo dell’arte uno spazio comune e di reciproco rispetto. Per questo durante la presentazione che si terrà in piazzetta degli Alpini a Lavis, sabato 15 maggio alle ore 15 non solo si assisterà a un dialogo informale tra Manuela Zennaro, Presidente Ritmomisto e moderatrice dell’incontro, e Giulia De Martin, autrice, alla scoperta dei due libri editi da Words Edizioni, ma si potrà godere anche di un incontro tra danza e letteratura, tra Tersicore e Calliope. Saranno alcune coreografie di danza contemporanea delle allieve di Ritmomisto infatti, a fare da contorno a quella che entrambe hanno voluto definire una “chiacchierata letteraria” e non una vera e propria presentazione.

Giulia racconterà, senza svelare l’avvincente finale, la trama del suo primo romanzo definito, per tutti quelli che amano le definizioni, “romance ad ambientazione storica”, ma che al di là della sua etichettatura di genere si presenta come un esordio importante per la giovane autrice. Con grande maestria e soprattutto freschezza, caratteristica che da sempre contraddistingue il suo modo di affrontare la vita e il lavoro, la De Martin ha infatti ottenuto non solo il consenso del pubblico (salito nelle prime posizioni della classifica degli ebook più letti di Amazon dopo poche ore dalla sua presentazione), ma anche la vittoria ai Premi Watty per il 2019, che ogni anno celebrano le voci elettrizzanti, visionarie e diverse che scelgono di condividere le proprie storie sulla piattaforma. Nel dialogo con Giulia sarà un piacere lasciare spazio anche al nuovo libro “Le api di Waterloo” in uscita su Amazon il 12 maggio e in tutte le librerie dal 12 di giugno.

L’autrice


Classe 1991, una laurea in letteratura inglese, una in giornalismo e due anni vissuti in Irlanda, Giulia De Martin oggi ha trovato la sua occupazione nel mondo del digitale, ma non ha abbandonato la sua passione per i classici e la loro bellezza. Vive fra le Dolomiti con un pallanuotista e due gatti, Loki e Thor, alternando web e carta stampata, lavorando come modella e viaggiando per l’Europa. Il romanzo storico è per Giulia il mezzo per trattare temi attuali e riflessioni profonde conferendo al tutto un’anima romantica. I suoi personaggi, donne forti e determinate che combattono per mantenere la loro posizione e felicità, rispecchiano le giovani di oggi, sognatrici e pragmatiche, che bevono la vita in un sorso solo assaporandone ogni goccia. QUI potete trovare il sito dedicato alle pubblicazioni di Giulia.

Come la pioggia e la Scozia


Inghilterra, 1818 Quando lady Freya Howard arriva a Charlton Park, ha l’animo e il cuore a pezzi: suo padre, il Conte di Norfolk, ha perso ai dadi l’intero patrimonio, lasciando figlia e moglie sole e nella più completa disperazione. Lusso e balli sono ormai solo un lontano ricordo, così come il fidanzamento con l’amato James, e alla giovane si prospetta un futuro da sguattera. Freya è però una donna intelligente e intraprendente, determinata a riconquistare da sola il proprio posto nella società. La sua tenacia cattura anche l’attenzione di lord Suffolk, padrone di casa vedovo e affascinante, e durante un viaggio in Scozia tra i due sboccia un sentimento difficile da tenere a bada. Ma proprio in Scozia torna a farsi vivo il passato di Freya, rischiando di mandare in frantumi quel barlume di felicità a fatica ritrovato. All’epoca della Reggenza, fra il lusso dei grandi palazzi e la brughiera foderata d’erica, scopriamo un mondo celato e distante dai ricchi salotti, dove amore, passione e desiderio di riscatto si mescolano in un turbinio di pioggia scozzese.

 

Le api di Waterloo


Inghilterra, 1815 Phédre Hale, Marchesa di Northampton, ha solo vent’anni, quando si trova in balia della sorte avversa: Waterloo le ha strappato l’amato marito e la spensierata fanciullezza. La lady Northampton che amava trascorrere le giornate nella lussureggiante serra, è ormai solo un ricordo. Phédre però sa che non può soccombere agli eventi e che l’unico modo per sopravvivere, è assecondare la propria condizione. Intelligente e caparbia, non si tirerà indietro di fronte a niente per riacquistare sicurezza, anche se ciò significa sposare Edward Hale, l’irlandese dagli occhi di ghiaccio, erede del casato e cugino dell’amato marito disperso. Tuttavia, la vita spesso riserva risvolti inaspettati, fino a sgretolare anche la più solida certezza.

Le grandi tenute di campagna e i dolci pendii della brughiera fanno da sfondo a una storia d’amore e morte, rinascita e assoluzione, intrisa del profumo delle peonie e cullata dal ronzio delle api.

Manuela Zennaro Classe 1978, una laurea in giurisprudenza e una grande passione per la danza nata in seno alla sua famiglia, con la quale ha fondato l'ASD Ritmomisto di cui è presidente. Mamma di due adolescenti, è blogger e organizzatrice di eventi per professione oltre che tecnico e giudice di danza sportiva. Lavisana doc, ama collaborare alle iniziative del territorio e l'arte e la cultura in tutte le sue forme.

Forse ti può interessare anche:

X